Scroll to top

 

Il report degli European Research and Innovation Days 2021 è ora disponibile sul sito web dell’evento.

 

 

Il 23 e 24 giugno 2021 MOVERIM ha partecipato alla terza edizione dei RiDaysEU. Si tratta di un incontro annuale chiave organizzato dalla Commissione europea nel settore della ricerca e innovazione. Esso riunisce rappresentanti politici, ricercatori e innovatori, imprenditori e investitori, cittadini e società civile per discutere e plasmare il futuro della ricerca e dell’innovazione nell’UE e al di fuori dell’Europa. Queste giornate hanno rappresentato un momento vibrante, con oltre 21mila partecipanti e 150 paesi coinvolti, che hanno preso parte ad oltre 70 sessioni e workshop.

Un passaggio fondamentale: il lancio di Horizon Europe

Sopra ogni cosa, gli European Research and Innovation Days hanno segnato il lancio ufficiale del programma europeo di ricerca e innovazione più ambizioso di sempre: Horizon Europe. Pertanto, i partecipanti hanno avuto la possibilità di ottenere informazioni di prima mano sulle nuove caratteristiche e sulla struttura del programma da parte di rappresentanti della Commissione come Mariya Gabriel (Commissaria per l’Innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione, i giovani e lo sport), Jean-Eric Paquet (Direttore generale per Ricerca e Innovazione) e Margrethe Vestager (Vice-presidente Esecutiva della Commissione Europea per l’Europa pronta per l’era digitale).

Fonte: 2021 European and Innovation Days photo gallery

L’evento si è articolato intorno a temi cruciali come le lezioni apprese, la preparazione e la resilienza rispetto al Covid-19,  l’imperativo di un pianeta pulito e sano per tutti e l’obiettivo di un decennio digitale che non lasci indietro nessuno. Tutto questo sullo sfondo del ruolo centrale della ricerca e dell’innovazione come via maestra per il futuro Europa.

Il report dei RiDaysEU 2021

La relazione è stata pubblicata il 13 dicembre 2021 e raccoglie le principali conclusioni dei partecipanti e dei relatori. Esse sottolineano l’importanza del settore UE della ricerca e innovazione per raggiungere un futuro sostenibile, soprattutto per quanto riguarda l’ambiente, la salute e le sfide digitali.

Tra le considerazioni più rilevanti troviamo:

  • Una ricerca e innovazione europea collaborativa come motore per un futuro più verde, sano e digitale su scala globale. In questo senso, la centralità della nuova European Research Area (ERA) nell’ambito del programma Horizon Europe. Dunque, la promozione di un approccio globale alla R&I, con l’intento di unire le forze per conseguire un impatto quanto più maggiore.

  • Inoltre, la necessità di maggiori sinergie tra politiche, programmi e strumenti attraverso un approccio multilivello, promuovendo le interazioni tra le diverse dimensioni locali, regionali, nazionali, europea e globale.

  • Il ruolo della società civile: i cittadini devono essere coinvolti e contribuire al dibattito su un futuro sostenibile attraverso la R&I in quanto, in ultima analisi, giocano e giocheranno un ruolo cruciale nella sua realizzazione.

Fonte: 2021 European and Innovation Days photo gallery

Il report contribuirà al processo decisionale europeo in tutti questi campi e molti altri ancora. Inoltre, rappresenterà un’importante fonte di informazioni e conoscenze nel quadro della Conferenza sul futuro dell’Europa, dando utili spunti al dibattito in corso. Le conclusioni di quest’evento influiranno anche su molte altre iniziative recenti come le EU Missions e il New European Bauhaus.

La rilevanza dell’evento per MOVERIM

In quanto partner di diversi progetti finanziati dall’UE, MOVERIM ha partecipato con estremo interesse ad un evento così importante per il settore della R&I.

Sul versante delle nuove tecnologie emergenti, MOVERIM fa parte del consorzio di due progetti che mirano a sviluppare, ognuno nel proprio ambito di applicazione, strumenti rivoluzionari basati sul carburo di silicio. I due progetti in questione sono SiCOMB e SiC Nano for Picogeo.
Il primo intende sviluppare e dimostrare il primo pettine di frequenza a banda ultra-larga su un chip in carburo di silicio, un materiale che garantirebbe risparmio energetico, meno spazio e maggiore capacità di trasmissione dati. Il secondo progetto, sfruttando lo stesso materiale innovativo, è volto a sviluppare un nuovo sistema di misurazione delle deformazioni del suolo per la geo-scienza ed il monitoraggio del rischio geografico.

Sul versante invece delle sfide legate all’ambiente e alla salute, MOVERIM è attualmente partner di tre progetti rilevanti per settori indicati: e-SAFE, AFFIRMO e Imptox.
e-SAFE promuove la riqualificazione energetica degli edifici non storici accostando all’efficienza energetica il concetto di sicurezza, in particolare declinato in tecnologie antisismiche.
AFFIRMO è invece finalizzato a sviluppare, implementare e testare l’efficacia di un approccio olistico e paziente-centricosui pazienti anziani con fibrillazione atriale e in condizioni di multimorbilità.
Imptox, infine, insieme ad altri quattro progetti fa parte di CUSP, il cluster di ricerca europeo per studiare l’impatto delle micro- e nano-plastiche sulla salute umana.

Per MOVERIM, quindi, gli European Research and Innovation Days hanno costituito una preziosa opportunità sia per raccogliere informazioni riguardanti lo stato dell’arte del settore R&I e le sue prospettive future, sia per espandere il proprio network – e, di conseguenza, quello dei progetti con cui collabora – entrando in contatto con ricercatori, innovatori, responsabili politici e cittadini di tutto il mondo.

Comments are closed.