Scroll to top

Dal 27 al 29 giugno 2016 a Bruxelles si è tenuta la settimana informativa sulla tematica “Sicurezza alimentare, agricoltura e silvicoltura sostenibili, ricerca marina, marittima e sulle acque interne e bioeconomia” (SC2), collocata all’interno del pilastro “Sfide Sociali” del programma per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020. L’evento è stato organizzato dall’Agenzia esecutiva per la ricerca (REA), dalla Direzione generale Ricerca e Innovazione (RTD), dalla Direzione generale Agricoltura (AGRI) e dal consorzio BioHorizon.

Durante la prima giornata sono stati comunicati i risultati di alcuni progetti finanziati dal Settimo Programma Quadro (7PQ) e di Horizon 2020 nell’ambito di queste tematiche. John Bell, direttore della DG RTD, ha dato il benvenuto ai partecipanti sottolineando l’importanza della comunicazione dei risultati e dei successi conseguiti dai progetti finanziati dai programmi quadro europei. È seguita una presentazione sulle priorità della Commissione europea in merito alla disseminazione dei progetti di ricerca europei, in particolare per quanto riguarda Horizon 2020. Durante la mattinata i coordinatori di vari progetti hanno mostrato, attraverso le loro esperienza concrete, come le attività di disseminazione e comunicazione permettano di massimizzare l’impatto della ricerca e attribuiscano un valore aggiunto ai progetti di ricerca, permettendo alla conoscenza generata di far uscire la ricerca dalla comunità scientifica e diffondersi anche tra un pubblico di non esperti.

Nel corso della seconda giornata sono state presentate le opportunità di finanziamento per il 2017 all’interno  del Programma di Lavoro (WP 2016-2017) per la SC2: gli esperti hanno spiegato le priorità del programma, che ha la finalità di migliorare la capacità degli agricoltori di produrre cibo sufficiente e sicuro per tutti e, allo stesso tempo, salvaguardare le risorse ambientali, sfruttando la potenziale crescita sostenibile delle aree rurali, marittime e forestali, attraverso nuovi approcci territoriali e nuovi business models, nonché una nuova industrializzazione dell’Europa attraverso le  biotecnologie innovative. La grande sfida da affrontare è assicurare, entro il 2050,  cibo sano e sicuro per 9 miliardi di persone.

La Commissione ha comunicato ai partecipanti all’evento le modifiche che il programma di lavoro ha subito in questi ultimi mesi e che verranno approvate entro la fine di luglio:

Cambiamenti nel testo: miglioramenti di qualità; cambiamenti intesi a sottolineare il contributo del programma al perseguimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile e modifica del topic SFS 19;
Introduzione di nuovi topic: SFS-49 (modellizzazione in agricoltura), SFS-50 (InCo), SFS-18 (iniziative di policy), BG-14 (introdotto per rispondere a richieste del PE) e BB-7(ex impianti molecolari);
Aumento del budget;
Rimozione dei Premi, che saranno introdotti nel WP 2018-2020.

In seguito è stato spiegato il processo di valutazione delle proposte, sono stati forniti consigli pratici sulla redazione di una proposta vincente e, infine, sono stati spiegati nel dettaglio i topics delle varie calls.

Per il 2017 verranno lanciate 4 calls:

• “Sicurezza Alimentare Sostenibile” (SFS): con un budget complessivo di 219 milioni di € per il 2017, la call si articola in 28 topics, dedicati ad assicurare un approvigionamento alimentare sufficiente, cibo sano e sicuro per tutti, salvaguardando le risorse naturali. Questi topics definiscono un approccio innovativo, focalizzato su sistemi produttivi sostenibili da un punto di vista ambientale e climatico. La call include anche azioni di cooperazione internazionale tra Europa, Cina e Africa.
• “Crescita Blu” (BG): in totale i 6 topics appartenenti a questa call per il 2017 sono finanziati con un budget di 48,4 milioni di €. Con questa call la Commissione intende assicurare un ambiente marino eco sostenibile, ma allo stesso tempo produttivo, nel totale rispetto delle condizioni ambientali. L’implementazione di una vasta rete della conoscenza nel settore si rende sempre più necessaria per aumentare la ricerca e conoscenza e per rendere più accessibile la ricerca già fatta.
• “Sviluppo Rurale” (RUR): i 9 topics di questa call offrono un finanziamento totale di 61 milioni di € e sono dedicati alle opportunità di crescita rurale, attraverso un approccio integrato, multi-attore e multi-settoriale che consideri le peculiarità territoriali. Allo stesso tempo, l’ambizione principale è la modernizzazione di politiche di governance, in grado di promuovere e incoraggiare lo sviluppo. Alcuni dei topics inoltre mirano a promuovere l’innovazione attraverso un processo di co-creazione e scambio di conoscenze.
• “Bio-innovazione” (BB): con un investimento totale di 23 millioni di euro, i 4 topics di questa call hanno l’obiettivo di aumentare le sinergie tra le zone costiere e rurali e sviluppare approcci multi-attore a sostegno delle politiche pubbliche e della governance.

Un aspetto comune a tutte le calls, sottolineato ripetutamente dagli esperti per la sua importanza, è l’approccio multi-attore. Questo approccio richiede che gli utenti finali e i divulgatori dei risultati della ricerca siano strettamente coinvolti durante tutto il periodo del progetto. Ciò porterà all’identificazione di soluzioni innovative con una maggiore probabilità di essere applicate sul campo, poiché coloro che hanno bisogno di soluzioni sono coinvolti fin dall’inizio nella definizione degli ambiti di indagine, nella pianificazione, nella realizzazione del lavoro di ricerca, nella sperimentazione e nella diffusione dei risultati.  I progetti che devono implementare questo approccio per poter ottenere i finanziamenti, dunque, devono dimostrare di essere costruiti sulla base delle necessità sollevate degli utilizzatori  (demand-driven), i quali devono essere inclusi nella definizione tanto delle problematiche che delle soluzioni. È stato raccomandato fortemente il collegamento con i Gruppi Operativi già esistenti e la diffusione dei risultati tramite i principali canali per la disseminazione e il contributo del Partenariato europeo per l’Innovazione “Produttività e Sostenibilità dell’Agricoltura” (EIP-AGRI).

Breve riassunto delle calls:

Tabella

Ulteriori informazioni, presentazioni e video delle sessioni

Comments are closed.