Scroll to top

BBI call 2020

Si è recentemente tenuto un info day virtuale incentrato sulla call 2020 del programma Bio-Based Industries Joint Undertaking (BBI JU), gestito dalla Commissione europea e dal consorzio Bio-Based Industries in rappresentanza del settore privato.

BBI JU mira sostanzialmente al raggiungimento della massa critica di investitori nel settore delle bio-industrie, in modo da trattenere in Europa gli imprenditori locali, attraendone al contempo di extraeuropei. Si prefigge inoltre l’obiettivo di riorganizzare la filiera produttiva in modo da favorire una struttura economica circolare che nel settore è esistente, ma ancora frammentata. La strategia di BBI JU consiste nello sviluppare aziende biologiche sostenibili e competitive appoggiandosi a raffinerie biologiche, implementando la Strategic Innovation and Research Agenda (SIRA), sviluppata dal consorzio di BBI ed approvata dalla Commissione europea.

Call 2020

 La settima call del programma, con scadenza 3 settembre 2020, intende contribuire al Green Deal europeo:

-Sostituire il 25% delle sostanze chimiche a base di petrolio;
-Produrre 10 volte più materiali biologici rispetto al presente;
-Aumentare del 25% la mobilitazione di risorse inutilizzate;
-Sviluppare il potenziale degli scarti agroalimentari e residui forestali;
-Diversificare ed aumentare gli introiti degli agricoltori;
-Creare 700.000 posti di lavoro, di cui l’80% in aree rurali;
-Ridurre la dipendenza dell’Europa dalle importazioni di materiali fossili grezzi, proteine e fertilizzanti;
-Diminuire del 50% l’emissione di gas serra.

Più di 1000 sono i beneficiari dei progetti finanziati fino ad oggi, disseminati in 33 paesi diversi. Delle organizzazioni partecipanti, il 60% è costituito da privati (il 40% di cui rientra nella categoria delle piccole e medie imprese, che spesso sono veri e propri fulcri di innovazione, ma non hanno facile accesso al mercato). Un terzo del budget è inoltre affidato ad università e centri di ricerca che convogliano specialisti ed abilità necessari all’implementazione del progetto.

Un budget totale di 102 milioni  di € è abbinato all’invito a presentare proposte per finanziare progetti che rientrino nell’ambito di uno dei seguenti orientamenti strategici:

Feedstock: D1, D2, F1, F2, F3
Process: R1, R2, R3, R4, D3
Products: R5, D4
Market uptake: S1, S2, S3, S4

I diversi topics appartengono a 4 diverse tipologie d’azione:

-Sviluppo di nuove tecnologie (RIA – Research and Innovation Action) per colmare i vuoti nella filiera produttiva, individuando le tecnologie da impiegare o implementare attraverso azioni di ricerca e innovazione;
-Attestazione di business model (IA DEMO – Innovation Action Demonstration) in modo da dimostrare l’efficacia di modelli già esistenti, ma non ancora funzionali su scala commerciale;
-Implementazione dell’attività pionieristica della bioraffineria (IA FLAG – Innovation Action Flagship), applicazione su larga scala di una struttura unica nel suo genere in Europa.
CSA – Coordination and Support Actions, ossia misure di supporto quali: disseminazione, consapevolezza e comunicazione, networking, coordinazione o servizi di supporto e studi. 

Budget

 Il budget totale per questo invito a presentare proposte ammonta a 102 milioni di euro, distribuiti nei 16 topics in cui si articola la call. In aggiunta, si prevedono notevoli risorse provenienti dall’industria. Il valore stimato dei contributi in kind è di almeno 49 milioni di euro.

Ogni topic disporrà di un proprio budget ed i fondi verranno distribuiti come segue:
FLAGs 47 milioni di € (3 topics);
RIA 22 milioni di € (5 topics);
CSAs 5 milioni di € (distribuiti su 4 topics);
DEMO 28 milioni di € (4 topics).

Criteri di valutazione

Le proposte verranno valutate secondo i criteri di valutazione del programma Horizon 2020, in aggiunta verranno applicati i sottocriteri specifici del programma BBI JU. I progetti ricevuti verranno valutati secondo i tre criteri di eccellenza (3/5), impatto (4/5) e implementazione (3/5). La soglia complessiva, applicabile alla somma dei tre punteggi individuali, sarà 11. Per le azioni di innovazione, per determinare la classifica, il criterio di “impatto” avrà un peso ponderato di 1,5. Ad ogni criterio di valutazione principale corrisponderanno diversi sottocriteri, a seconda del tipo di azione (CSA, RIA, IA).

Ulteriori info

Comments are closed.